venerdì 7 settembre 2012

Cinema Roma

Un pò di anni fa pubblicai questa breve storia di otto pagine su "Blue". In realtà era stata inizialmente concepita per la rivista "ORME", diretta da Silvano Mezzavilla, e che purtroppo pubblicò solo pochi numeri. Le vicissitudini di Massimiliano si intrecciano con i miei ricordi, poi, come al solito la realtà si sovrappone alla finzione e quanto di me ci sia in Massimiliano non lo confesserò mai. Però il famigerato Cinema Roma, esisteva veramente a Padova, e oltre ad essere il cinema in cui da sempre si proiettavano i "filmacci" ( dagli horror ai decamerotici ai vietati ai 18, molto, molto prima dei cinema a luci rosse), era considerato il luogo dove tra gli spettatori si annidava la feccia di ogni tipo. Mi rimane ancora la malinconia e il dispiacere per non esserci mai entrato.










4 commenti:

  1. ...quello in prato sono arrivato tardi per limiti di età , l'ho sempre visto chiuso pensavo fosse un porno, anche i b movie ci facevano? fikata...

    RispondiElimina
  2. era un vero postaccio, ma quante mie insane fantasie ha alimentato!

    RispondiElimina
  3. ..fortunatamente: bel fumetto!!!sono fantastici gli spettri in b/n e la madre inquietante

    RispondiElimina
  4. Quest'anno ha chiuso definitivamente il Cristallo: fino in prato non ci arrivavamo, ma li si... Storia stupenda, stessi ricordi. Bravissimo!

    Andrea

    RispondiElimina